Tutte le pubblicazioni del giornale sono sospese

20/01/2012 15.48.58 Segnala ad un amico

Da oggi e fino alla data dell'incontro (che mi auguro prossimo) presso la Regione, convocato per esaminare la richiesta di cassa integrazione avanzata dalla Mrc al fine di evitare il tracollo finanziario e il fallimento sicuro di Liberazione e dello stesso partito che la edita, tutte le pubblicazioni del giornale sono sospese. Anche nella versione on line, come recita il comunicato della società. Questo epilogo - sicuramente transitorio, ma certo non meno doloroso - è stato l'esito che la direzione ha cercato in ogni modo e finchè è stato possibile di evitare, tessendo e ritessendo la trama di un equilibrio editoriale fra le più che giustificate preoccupazioni dei lavoratori per il proprio futuro e le condizioni oggettive di una situazione economica dell'azienda che non può in alcun modo sopportare il taglio del 70% delle già scarsissime risorse destinatele dal fondo per l'editoria. Il complesso equilibrio “dinamico" che era stato raggiunto si reggeva sulla condivisione di una incontestabile verità: quella che i governi (Berlusconi prima e Monti poi) hanno scientemente deciso, sulla base di calcoli politici che nulla hanno a che vedere con i problemi di bilancio dello stato, di mettere in ginocchio decine di testate di partito, di idee e cooperative, radendo letteralmente al suolo, in particolare, la stampa di sinistra. Contro questo disegno liberticida avrebbero dovuto concentrarsi tutto l'impegno, la mobilitazione, la lotta per ottenere la reintegrazione del fondo. Malauguratamente, a questa sacrosanta battaglia se ne è unita e poi sovrapposta un'altra, di segno opposto, cresciuta sino a quasi oscurare la prima, fondata sull'incredibile accusa rivolta dal Cdr alla proprietà, alla società, alla stessa direzione del giornale di avere inteso utilizzare la crisi per portare a conclusione l'avventura di Liberazione ed azzerarne la redazione. Ebbene, questa accusa al Prc di coltivare pulsioni suicide e di perseguire il solo obiettivo di incassare i residui finanziamenti pubblici, progettando la redazione di un giornale “finto", è semplicemente falsa, oltre che oltraggiosa. L'obiettivo di salvare testata, giornale e occupazione, la determinazione nel compiere ogni ragionevole sforzo per rilanciare in progress un progetto editoriale credibile e sostenibile è stato, è e rimane lo scopo di ogni iniziativa.
Le “incursioni" sul giornale - tanto su quello in pdf (di cui è stata impedita l'uscita per ben 3 degli ultimi 4 giorni!), quanto sul sito - si sono in questi giorni moltiplicate sino a rendere la situazione ingovernabile da parte della direzione.
La scelta di sospendere ogni pubblicazione sino all'incontro in regione è divenuta perciò un passo obbligato.
Nel frattempo, sia pure in un clima molto diverso da quello che sarebbe stato auspicabile e necessario, si stanno sviluppando in tutta Italia le più varie iniziative di sottoscrizione per Liberazione, segno inequivocabile di una volontà forte dei nostri lettori e della nostra comunità, per nulla rassegnati a gettare la spugna.

La direzione

« » Marzo 2017

L M M G V S D
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

sempre aggiornato

Ricevi gli aggiornamenti di questo portale sul tuo PC.

scarica il Feed Rss Feed Rss

ultimi commenti inseriti

Inserito da italo scrocchia in (Ecco la (falsa) scienza economica di chi vuole i poveri derubati dai ricchi)
Inserito da alessandro fraioli in (Elogio della ricchezza)
Inserito da Sandra Lelli in (Il totem di Elsa Fornero)